Ho scelto di acquistare ESCLUSIVAMENTE il dupe della Neon Obsession in Green di Huda Beauty, poichè avendo provato l’originale in negozio non mi era sembrata degna di essere acquistata a prezzo pieno – e nemmeno scontato -.

Vari top coat semitrasparenti in glitter e un solo ombretto desiderato su 9, venduta al prezzo di 30 € mi sembrava una follia, senza contare che tra le tre Neon in gamma HUDA, la più performante è la Orange, di cui i colori non erano i miei prescelti.

Per cui mi sono buttata sul suo spudorato dupe di W7, la Vivid Green.

Esattamente identica, anche per quel che riguarda le sue sorelle cromatiche in Pink ed Orange, le differenze sono solo a livello di packaging e specchietto, di cui il dupe è sprovvisto.

Questa recensione sarà ovviamente sulla Vivid Green di W7, ma potete orientarvi sulla medesima disposizione colori e descrizione anche per quella originale di Huda Beauty.

A livello qualitativo, forse nell’originale di Huda gli shimmer sono un minimo più pigmentati che qui, presentando più base colore sotto i glitter. E come minimo, direi.

Le cialdine contenute sono in tutto 9, di cui solo 3 opache e le restanti 6 pigmenti pressati glitter.

Non riportano nomi, per cui andremo a guardarle per ordine.

w7-vivid-green-dupe-huda-beauty-recensione-review

1. Ombretto matte verde pastello, chiarissimo. Va stratificato perchè sia pieno, ma per essere un pastello non è malaccio.

2. Giallo limone in cialda, in realtà è un pigmento pressato a base gialla semitrasparente che presenta perlescenze oro.

3. Il verde bramato è lui. Opaco e un tono o due più pieno del primo ombretto, che resta comunque chiaro e vibrante.
Ho dovuto stratificarlo per farvi lo swatch (più giù) ma sull’occhio pigmenta senza problemi.

4. Pigmento pressato rose gold trasparente. Mi ricorda vagamente Waterdream di Nabla.

5. Anche qui, top coat che in cialda sembra essere un bianco cristallo, ed in realtà è un avorio semitrasparente con un tripudio di micro glitter verdi chiaro.

6. Somigliante – solo in cialda – agli ombretti della famiglia blue brown di Mac, si tratta di un pigmento prugna a base trasparente che presenta glitter azzurri e verdi.

7. Copper a base rosata e trasparente. Presenta micro glitter rosa.

8. Terzo ed ultimo opaco in palette, si tratta di un pesca acceso e chiaro. L’unico davvero pigmentato tra tutti.

9. Rose gold shimmer molto simile al 4°, che sembra andare più sul pesca, per via del rosso in esso contenuto. Ha micro glitter oro.

swatch-w7-vivid-green-dupe-hude-beauty

Considerazioni:

E’ una palette senza dubbio particolare, presenta colori abbastanza ricercati ma non risulta essere assolutamente completa e non credo sia tra le aspettative di chi l’acquista.

Ciò che la rende “neon” è a mio parere esclusivamente la prima fila di ombretti, il pesca, ed ovviamente il packaging.

In plastica verde fluo trasparente, è fresco e vitaminico ma da’ l’idea di non essere solidissimo. Gli auguro lunga vita ma non mi aspetto che mi accompagni sano a lungo :/

w7-vivid-green-recensione-swatch-dupe-huda-green-mini

w7-vivid-green-recensione-swatch-dupe-huda-green

Ne vale la pena?

Ve la consiglio esclusivamente per e se volete togliervi uno sfizio, ovviamente facendo caso alla gamma colori che più vi piace.

Io infatti, amo aggiungere al mio trucco occhi una punta di verde acido che spesso realizzo con la matita di Essence 32 Go Green o di Kiko Automatic Precision 708 e desideravo una cialda opaca che potesse richiamare la matita in caso di estro creativo.

Non è una palette da tutti i giorni a meno che non vogliate essere particolarmente creative, ma gli shimmer possono essere, se ben fissati su un primer occhi, un’ottima idea per impreziosire lo sguardo senza troppa base colore.

Gli ombretti a base trasparente sono molto carini anche utilizzati come illuminante, l’effetto che fanno è un po’ come il Diamond Bomb di Fenty.

Il vero drama è struccarli, non tanto dal viso quanto dagli occhi. Rimane sempre qualche brillantino, il che è normale per la tipologia di prodotto ma è una situazione che io odio. 😛

Per il prezzo che questa palette ha, sicuramente non è uno stillicidio e decisamente, se po’ fà.

Sinceramente, non sono pentita solo perchè ho un debole per il verde acido ed i dettagli fluo. Ma il tutto è ovviamente soggettivo.

Ho trovato carino usare i top coat come protagonisti sulla palpebra mobile (struccaggio a parte) e gli opachi come dettaglio, accompagnati da un’indiscussa riga di eyeliner e abbondante mascara.

retro-w7-inci-ingredients-vivid-green-recensione-review-

Reperibile su Maquibeauty

Prezzo: 2,99 €

PAO: 18 mesi

Voto: 7

Made in PRC